Passa ai contenuti principali

L'Ombra dello Scorpione di Stephen King


Ultimamente sto più leggendo che cucinando... ma molto di più!!! Sono almeno 3 anni che dico che sul Blog devo parlare un po' di libri, ma poi ci rinuncio. Ogni tanto ho menzionato un film, un fumetto, ma libri pochi. E' una cosa decisamente più impegnativa da fare... sarà quello?! Ma con l'anno nuovo mi sono riproposta di farlo, perchè ne sento il DOVERE. Troppe cose ci scivolano addosso, troppo spesso ci lasciamo trascinare dal quotidiano e, sempre più, viviamo nella banalità. Nel nostro piccolo dovremmo, invece, fermare i momenti importanti, allontanarci dalle brutture e concentrarci sull'intelligenza, sul bello. Dovremmo non va bene, Dobbiamo farlo, semplicemente...
In un mondo alla deriva dove si stanno perdendo tutti i saperi in nome della così detta normalità dell'essere (esistenza), dobbiamo imporci di esaltare il bello, o anche il brutto, o almeno discuterne, magari non da professionisti, ma farlo, per essere migliori, per metterci in relazione con chi ha i nostri stessi interessi! Per lo stesso motivo, da qualche anno, ho ripreso a ricamare. Sono sempre di meno le persone che lo fanno e anche quella è una cosa di cui si sta perdendo la conoscenza. Non va bene. Abbiamo il dovere di preservare la conoscenza in qualunque ambito.

Detto ciò, ho deciso di scrivere alcune cose su L'ombra dello Scorpione, non una recensione (chi sono io per farla?), solo le mie impressioni. E il primo libro letto nel 2017, spero che porti bene :D
Quest'opera è stata scritta dal Re nel 1978 ed è il suo quarto libro. Nell' 1987, Editore e Autore decisero di ripubblicare questo scritto così così come era stato concepito originariamente, cioè con circa 400 pagine in più!! Ed è questa l'edizione che letto io, pubblicata da Bompiani.
La traduzione non è felicisima soprattutto sui congiuntivi, ma si può sorvolare su questo problema visto che, su 926pagine, se anche ci sono 5 o 6 errori piuttosto gravi, tutto sommato non si fanno sentire. Un'altra nota: un commentatore, su Amazon, scrive che i caratteri sono troppo piccoli... lo segnalo... A me la lettura non ha infastidito, ma mi rendo conto che c'è chi ha problemi di vista e volevo far presente questo particolare.

Detto ciò, la trama è piuttosto semplice e catastrofica: un virus creato in laboratorio distrugge la popolazione mondiale (si presume) di certo quella americana, ma c'è chi sopravvive in quanto immune. Questi sopravvissuti cominciano a fare dei sogni in cui compaiono 2 personaggi: Mother Abagail, in diretto contatto con Dio (si, proprio lui!!!) dalla quale si recheranno i buoni; e Randall Flagg, incarnazione del Male e calamita per malvagi e derelitti... soprattutto derelitti. Nella prima parte del romanzo sono presentati i personaggi, la loro vita, cosa facevano, cosa gli succede al momento dell'epidemia, come reagiscono alla perdita dei loro congiunti... Poi cominciano a muoversi, a spostarsi, a incontrarsi e a dirigersi, seguendo i sogni, verso Mother Abagail o Randall Flagg. Questa parte è molto bella e ben scrittale caratterizzazioni dei personaggi rasentano la maniacalità ma, sapendo che avevo in mano un libro di quasi 1000 pagine ero tranquilla perchè era certo che qualche parola di troppo doveva pur esserci!. Nella seconda parte del racconto si formano le 2 comunità ed èchiaro che i così detti cattivi hanno intenzioni bellicose, perciò si arriverà ad uno scontro. Non vi sto a dire come si evolve la storia, ma è una lettura che consiglio, anche perchè in certe opere non è importante la trama ma il percorso letterario ;)
Ora voglio sottolineare alcuni aspetti di questo libro, negativi e positivi, ma è sempre un fatto di gusti:
  1. Le lungaggini ci sono. Io non le ho vissute male, insomma!! Il libro è enorme, non potevano essere tutti colpi di scena! Ma a tratti le parti semi-inutili si fanno sentire.
  2. Lo scontro tra bene e male poteva essere più generico, più metaforico... in realtà il dio di cui si parla è quello della tradizione occidentale e Flagg é l'incarnazione di Satana. Anche un po' forzoso il fatto che i 2 gruppi debbano pervenire necessariamente ad uno scontro.
  3. Un punto decisamente a favore è la cultura di Kinh!!In un racconto popolare come questo, per quanto articolato nella narrazione di luoghi, fatti e personaggi, é facile imbattersi in citazioni colte, nozioni non comuni ai più e descrizioni di fatti scientifici e sociali piuttosto complessi. Grandi lodi davvero!!

Potrei soffermarmi a prendere in considerazione qualche altro punto, in realtà non ne vale la pena. Il libro è bello, si legge volentieri ed è il caso di incamminarsi in questa avventura.



Un classico moderno, decisamente......

Commenti

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno

Api

Ma davvero non si può far niente per la moría delle api?
Io ne trovo di agonizzanti ogni giorno sulla mia veranda 😢😢

Mi vengono in mente tutte le scemenze di cui normalmente parlano i giornali, a partire dalle imminenti elezioni. Mi viene in mente il sindaco del mio paese che, appena eletto, ha fatto abbattere molti alberi nel paese per motivi non meglio precisati..


Il potere, l'estetica, l'economia, l'arte, la cucina... direi che possono essere solo dei passatempi rispetto a una cosa piū importante che é il rispetto della natura quindi, della vita
💖💔💖💔💖💔💖💔💖💔

MORIA DELLE API

Carote arrosto di Yotam Ottolenghi

Oggi vi propongo un'altra ricetta di questo chef fantasioso 😀 Mi piace perché la sua è una rivisitazione moderna di ricette mediorientali e perché la sua cucina é prevalentemente vegetariana: anche quando cucina carne, le verdure sono molto presenti!
   Per queste catote arrosto ci vorrebbero carote di diversi colori. Io non ne avevo e ho usato solo le comuni arancioni. Vi avverto che hanno un gusto particolare, dolciastro, che potrebbe non piacere, come é successo con mio figlio, quindi fatele se conkscete bene i vostri commensali 😉


Carote arrosto di Ottolenghi. Io ho fatto mezza dose
Mi sono attenuta al testo di Patrizia, cambiandolo dove ho apportato modifiche. Lei è stat molto chiara e la ringrazio 💖 Qui il suo post con foto bellissime e vari passaggi
1 kg di carote di diverso genere, viola, arancio, possibilmente novelle (io ho usato solo le arancioni) 50 g di nocciole tostate e tritate grossolanamente
1 cucchiaio di semi di sesamo
1 cucchiaio di melassa di melograno (non sapr…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -