Ogni mattina a Jenin


         "In un tempo lontano, prima che la storia marciasse per le colline e annientasse presente e futuro, prima che il vento afferrasse la terra per un angolo e le scrollasse via nome e identità".... "un paesino a est di Haifa viveva tranquillo di fichi e olive, di frontiere aperte e di sole".

     
   Questo l'incipit del meraviglioso libro di Susan Abulhawa.
Siamo in Palestina, una terra ricca e florida. Attraverso le vicende di una famiglia, narrate a partire dal 1941, viviamo la storia di un popolo derubato della propria terra e costretto a vivere da profugo. L'invasione dell'esercito israeliano e delle Nazioni Unite, la cacciata dalla propria terra, la reclusione nei campi profughi. Il rimpianto per la terra, per fichi, mandorle e ulivi... la speranza nel riscatto dei propri figli, la voglia di vederli studiare, anche le donne!! Un mondo arabo che ci è costantemente nascosto ma che dobbiamo riscoprire. Per imparare e per non dimenticare.

        Non ho mai pianto tanto nel leggere un libro, non per la commozione ma per l'intensità delle parole.
Capolavoro!!!

Commenti

Post più popolari