Passa ai contenuti principali

Gnudi di Ricotta

          
            La prima e unica volta che ho fatto gli gnudi di ricotta è stato più di 10 anni fa! 
Provavo tutte le novità che trovavo sui siti di cucina (per lo più dolci, a dire il vero) e mi divertivo a spignattare il pomeriggio quando mio figlio, ancora piccolo, dormiva qualche oretta :)))

          Lo dico? Non mi piacquero particolarmente!!
Buoni erano buoni, con una salsa al gorgonzola molto saporita!! Ma non mi piacque la consistenza dello gnudo, un po' gnucco.. come si dice... Diedi subito la colpa di quella consistenza all'uovo nell'impasto che legava si, ma rendeva gommoso. Di certo sbagliai io, fatto sta che non li ho più rifatti, neanche ho cercato altre ricette... d'altronde... si può anche vivere senza gnudi...  :D



           
        Fatto sta che durante le feste di Natale, mentre ero a casa ammalata, sul canale La Effe hanno trasmesso un programma di Jamie Oliver, Comfort Food, in cui lui ha preparato questi gnocchetti. E.. udite udite!.. Ha fatto l'impasto di ricotta senza uova!!!


            Mi è tornata la voglia di rifarli, tanto più che lui ha usato un trucchetto molto interessante per tenerli legati che mi ha incuriosita non poco :)) Magari ho fatto la scoperta dell'acqua calda e in toscana li preparano tutti in questo modo, di certo io ho trovato un altro piatto che mi piace molto!!




Gnudi di Ricotta di Jamie Oliver
 1 kg di ricotta già fatta scolare
100 g di Parmigiano
buccia di 1/2 limone grattugiata
sale, pepe
noce moscata
  • Preparate subito una guantiera con abbondante semola e tenetela da parte
  • Impastate la ricotta col resto degli ingredienti e cominciate a fare le palline
  • Mentre preparate gli gnudi metteteli nella guantiera con la semola
  • Scuotete spesso la guantiera con la semola in modo che la farina ricopra completamente gli gnocchetti 
  • Prima di essere cucinate, queste palline dovranno RIPOSARE 8 ORE, in modo che la ricotta ceda l'acqua e la semola si attacchi per bene agli gnudi
  • Al momento di cucinarli fate bollire abbondante acqua e sale e preparate in una padella burro e salvia
  • Cuocete gli gnudi nell'acqua bollente e, quando vengono a galla, scolateli nella padella con burro e salvia
  • Aggiungere parmigiano!!! Saltarli e servirli


CONSIDERAZIONI: Sono davvero molto buoni e delicati e possono essere serviti con un sugo di pomodoro semplice.
          La seconda volta che gli ho preparati la ricotta era del giorno prima e ben scolata e gli ho cotti dopo solo 3 ore. Quindi, se seguite questo accorgimento, comprate la ricotta il giorno prima, fatela scolare e, al mattino preparate gli gnudi che saranno pronti per il pranzo :DD

        Spero di essere stata chiara, alla prossima!!


Aggiornamento: qui la versione al pomodoro


Commenti

  1. Perfetti ! Te li copio prima possibile ! Che ricotta hai usato : vaccina ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che non lo so Daniela? La latteria da cui l'ho comprata la vende sia vaccina che di pecora... non ho chiesto..

      Elimina
  2. mai mangiati ,ma se dici che sono buoi vanno provati,felice sera

    RispondiElimina
  3. Sono toscana e gli gnudi li faccio ricotta e spinaci ma la tua versione mi incuriosisce molto. Per adesso grazie, ti racconterò. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. visto che sei toscana il tuo parere mi incuriosisce particolarmente, fammi sapere se li provi ;)

      Elimina
  4. Ciao Giulia, questi gnudi di ricotta sono una vera bontà golosa!
    Bravissima!!!
    Un abbraccio Laura *_*

    RispondiElimina
  5. Mamma mia che buoni, tutti regolari e tutti ben allineati, prendo nota.
    Buona giornata amica mia
    Mandi

    RispondiElimina
  6. ricette fantastica mi piace molto, semplice ma anche grazie dei consigli per farla al meglio :-)

    RispondiElimina
  7. Ma sai che non li conosco? Devo assolutamente rimediare, sembrano ottimi!!!
    Un bacione cara, buon pomeriggio e grazie!!!!

    RispondiElimina
  8. Si vede dalle foto che sono morbidi e non "gnucchi", bella ricetta, brava Giulia!!!
    Buona serata...

    RispondiElimina
  9. Giulia, mi incuriosiscono molto i tuoi gnudi di ricotta, sembrano di facile realizzazione.
    Bravissima e grazie per averceli proposti!
    Ti mando un bacio, Rosa

    RispondiElimina
  10. Anche io ho provato questo modo di fare gli gnudi ( da un'altra ricetta di un altro chef) e concordo: molto buoni.
    Qui per chi fosse interessato
    http://www.seriouseats.com/2015/04/spotted-pig-ricotta-gnudi-food-lab.html

    RispondiElimina
  11. Ciao Giulia,confermo....sono buonissimi e per niente pesanti.

    RispondiElimina
  12. Ho appena visto la puntata di confortfood e cercavo la ricetta degli gnudi e ho trovato la tua ispirata proprio da lui! La provò al più presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gaia! Ogni volta che va in onda quella trasmissione, sul blog arrivano molti ospiti ;() benvenuta!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno

Api

Ma davvero non si può far niente per la moría delle api?
Io ne trovo di agonizzanti ogni giorno sulla mia veranda 😢😢

Mi vengono in mente tutte le scemenze di cui normalmente parlano i giornali, a partire dalle imminenti elezioni. Mi viene in mente il sindaco del mio paese che, appena eletto, ha fatto abbattere molti alberi nel paese per motivi non meglio precisati..


Il potere, l'estetica, l'economia, l'arte, la cucina... direi che possono essere solo dei passatempi rispetto a una cosa piū importante che é il rispetto della natura quindi, della vita
💖💔💖💔💖💔💖💔💖💔

MORIA DELLE API

Carote arrosto di Yotam Ottolenghi

Oggi vi propongo un'altra ricetta di questo chef fantasioso 😀 Mi piace perché la sua è una rivisitazione moderna di ricette mediorientali e perché la sua cucina é prevalentemente vegetariana: anche quando cucina carne, le verdure sono molto presenti!
   Per queste catote arrosto ci vorrebbero carote di diversi colori. Io non ne avevo e ho usato solo le comuni arancioni. Vi avverto che hanno un gusto particolare, dolciastro, che potrebbe non piacere, come é successo con mio figlio, quindi fatele se conkscete bene i vostri commensali 😉


Carote arrosto di Ottolenghi. Io ho fatto mezza dose
Mi sono attenuta al testo di Patrizia, cambiandolo dove ho apportato modifiche. Lei è stat molto chiara e la ringrazio 💖 Qui il suo post con foto bellissime e vari passaggi
1 kg di carote di diverso genere, viola, arancio, possibilmente novelle (io ho usato solo le arancioni) 50 g di nocciole tostate e tritate grossolanamente
1 cucchiaio di semi di sesamo
1 cucchiaio di melassa di melograno (non sapr…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -