Passa ai contenuti principali

Sabato o lunedì... brodo

Come ho scritto in qualche post precedente, la voglia di pubblicare o stare seduta al pc, ultimamente è davvero poca :) . Ma, tutto sommato, continuo a cucinare e, ogni tanto, faccio pure qualche foto!!

           Dalle mie parti, ma credo in gran parte d'Italia o, per lo meno, del sud, c'è l'usanza di cucinare brodo di carne il sabato (o anche il lunedì), perchè la domenica si abbonda col cibo e quindi, il giorno prima o dopo, bisogna tenersi leggeri. A casa mia non abbiamo mai rispettato troppo le tradizioni ma da qualche anno, cioè da quando ho scoperto che a mio figlio il brodo piace molto (sia di carne che vegetale), cerco di farlo spesso!!




Di solito tuffo nel brodo riso o quadrettini di pasta all'uovo, però, qualche settimana fa, ho ricordato una preparazione molto semplice e buona che sostituisce degnamente qualsivoglia tipo di pasta o amidi. Perciò ecco a voi

Quadrotti di ricotta per il brodo (le dosi sono, indicativamente, a persona, ma dipende dalla fame dei commensali :)
120/150 g di ricotta
  1 uovo
  1 bella manciata di parmigiano
sale, pepe




  •  Mescolare tutti gli ingredienti
  • Stendere l'impasto in una teglia con carta forno
  • Cuocere in forno a 150° per circa 30' (regolatevi con la doratura)
  • Tagliare il prodotto a quadretti e mettere nei piatti
  • Versarci abbondante brodo caldo e servire



Tutto qui.
Vi garantisco che questo piatto è molto gustoso :D
Felice giornata a tutti!!

Commenti

  1. Ciao Giulia, trovo questo piatto geniale e gustoso, quei quadrotti di ricotta sono fantastici, mi ispirano parecchio...prendo nota!!! Brava!!!
    Bacioni...

    RispondiElimina
  2. Io faccio la stessacosa con un profumo di scorzadi limone e cuocio inpadella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. proverò anche questa versione, grazie ;)

      Elimina
  3. giuro questa usanza del brodo il sabato non la conoscevo dalle mie parti si usa mangiarlo di più la sera tipo crema di verdura

    RispondiElimina
  4. Mamma mia, sei geniale Giulia, una ricetta simile non l'avevo mai letta, me la segno subito e la metterò in pratica.
    Grazie amica mia, buona giornata
    Mandi

    RispondiElimina
  5. anche io vado a periodo con il blog, dipende anche dal tempo a disposizione...questi quadrotti sono una bella novità per me che adoro la ricotta, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  6. Ma che bontà Giulia,è la prima volta che vedo questi quadrucci di ricotta....Ohhh è ha tempo che non mangio un buon brodo,devo rifarmi e sicuramente proverò la tua proposta!
    Un bacione cara!

    RispondiElimina
  7. Che bella idea! Brava, ci proverò!
    Cinzia

    RispondiElimina
  8. Sono molto interessanti questi quadrotti, anche per cambiare un po' :) li proverò

    RispondiElimina
  9. bella cosa. io facevo anni fa una ricotta al forno (parmigiano, uova, timo), di fatto questa tua cosa ma cotta in una terrina, alla fine una via di mezzo tra frittata e soufflè.
    sul brodo: ma tu di che squadra sei? brodo che sobbolle per ore o 30 minuti in pentola a pressione? ..Io ormai solo PaP: nettamente superiore per me e poco lavoro.
    ste

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehhh... Stefano.. faccio cuocere ore e ore... Ma non ho la pentola a pressione. Ne avevo una che funzionava male e non l'ho più usata. Devo spendere qualche soldino in più cosìè risolvo anche la cottura dei legumi :D

      Elimina
  10. Bella idea questi cubetti ...mi piacciono.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari della settimana

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Pan di Ramerino

I pani conditi mi piacciono molto! Se non fosse che a casa siamo solo in 2 li farei in continuazione. Il pan di ramerino  in particolare mi piace davvero molto. La prima volta che lo mangiai era in una versione focaccia davvero squisita che prima o poi rifarò, ma per ora mi sono accontentata del solito pane 😅😅

 Come per molte ricette in questo blog, non vi darò dosi precise, perché non le ho seguite neanche io, ma non preoccupatevi, se fate il pane normalmente, questo é piùttosto semmplice 😉


Fate una pasta da pane come meglio preferite. Io di solito uso 600 g di farina0, 400 ml di acqua e 5 g di lievito di birra. Sale. Da qui le varianti sono infinite, potete usare lievito madre, varie farine, olio nell'impasto..... In questo caso mi sono attenuta alle dosi che ho scritto, solo ho fatto più impasto perché dovevo fare 2 pagnotte

Fate lievitare il pane tutta la notte o meno a seconda del lievito usato e al mattino preparate un intingolo così In una padella mettete dell'olio (…

Sticky Toffee Pudding di Jamie Oliver

Ho già fatto questo pudding, con una ricetta di Stefano Arturi (la trovate qua) e mi era piaciuto moltissimo. Non lo avevo ancora rifatto, e stavo pensando seriamente di rimediare, quando in tv ho visto quel pacioccone di Jamie Oliver che preparava questa squisitezza di dolce con sua madre!! L'aspetto di questo dolce era molto diverso da quello già fatto e così ho deciso di cimentarmi. Che dire? Buonissimo, bello da presentare... da rifare assolutamente!



Sticky Toffee Pudding di Jamie Oliver
4 bustine di tè al bergamotto (Io non lo avevo e ho usato te normale e buccia d'arancia e/o limone) 300 ml di acqua Con questi 2 elementi preparare un tè e farlo intiepidireFrullare il tè con 450 g di datteri (pesati col nocciolo), spolverata di noce moscata e cannella. Tenere da parteMontare molto bene 170 g di burro con 170 g di zucchero grezzo di canna (quello scuro e morbido) e 170 g di zucchero di canna normale
Aggiungere, continuando a montare   4 uova 340 g di farina autolievitante (op…

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno