lunedì 3 giugno 2013

Treccia alle mandorle e albicocche

Ripubblico questa ricetta per partecipare al Contest del blog La Cucina di Barbara. Normalmente non mi piace ri-pubblicare ricette, ma siccome il premio in palio è molto interessante, vorrei partecipare almeno con ricette elaborate o semi-elaborate da me.

                 Perciò... buona lettura e buona giornata!


Da quando la bravissima Gi ha pubblicato questa ricetta, non ho fatto altro che pensare a riprodurla. Mi sembrava adatta alla stagione e anche non troppo impegnativa. Ho rimandato per qualche giorno, ma poi, finalmente, giusto il tempo di far rinvenire il lievito madre, mi sono data da fare.




E visto che avevo a disposizione le uova freschissime che vedete in foto, mi sono detta che oramai era tempo di operare, non potevo più rimandare!
La mia ricetta è un po' diversa da quella di Gi, non perchè avessi voglia di sperimentare o fare chissà quali variazioni, ma semplicemente perchè ho lavorato usando gli ingredienti che avevo in casa e basandomi sul tempo a mia disposizione. Quindi, per chi volesse vedere la ricetta originale con tutti i passaggi, vi rimando al   blog di Gi, qui riporto la mia interpretazione che, tanto interpretazione non è, solo poche variazioni...

Treccia con marmellata di albicocche e mandorle
La sera preparare un poolish con 
  1 cucchiaio di lievito liquido
100 ml di acqua
100 gr farina 00

mattino dopo ore 7.00
250 gr farina 00
150 gr farina Manitoba Lo conte
 75 gr zucchero  
 20 gr miele
 90 burro morbido
  3 tuorli
140 ml latte
 pizzico di sale
il poolish della sera prima
  • Versare le farine nella planetaria insieme allo zucchero e, al centro, versarci il poolish con 100 ml di latte,  i 3 tuorli  e il miele.
  • Cominciare a impastare col gancio k e aggiungere il latte restante.
  • Quando l'impasto è ben legato aggiungere il burro poco alla volta.
  • Far incordare e mettere a lievitare
L'impasto non è difficile da gestire, quindi non avrete particolari problemi

Ripieno
1 grossa manciata di mandorle con la pelle più 1 mandorla amara tritate finemente
marmellata di albicocche possibilmente fatta in casa

Verso le 13.00 mettere l'impasto in frigo e far continuare lì la lievitazione.
alle 16.00 prendere l'impasto dal frigo e stenderlo su un piano di lavoro






Cospargere la pasta con un velo di marmellata di albicocche (anche di più, dipende dai gusti) e le mandorle tritate, arrotolare e, col rotolo, fare un treccione che posizionerete in uno stampo da plum cake imburrato.
Far lievitare. Io non ho fatto lievitare molto, solo un paio d'ore, perchè avevo impegni, ma sapevo che potevo infornare perchè la lievitazione era partita alla grande!

 Pennellare la treccia con del miele appena scaldato e cospargere la superficie con 1 grossa manciata di mandorle tritate senza pelle insieme a un po' di zucchero.



Infornare a 150° . il forno non deve essere stato acceso molto tempo prima. Continuerà la lievitazione in forno.
Cottura, circa 45 ', fare la prova stecchino ;)




Mi è piaciuta molto, non troppo dolce... ma troppo... gustosa ;)))
Però la vera magia è stata che il pargolo l'ha gradita 



Notare la mano che agguanta la fetta...
Uff.. che fatica.. e quante foto!!...




20 commenti:

  1. E hai fatto bene a ripubblicarlo, così stavolta la ricetta la stampo invece di salvare il link :) Un bacione, buona settimana

    RispondiElimina
  2. ciao Giulia ,questa treccia e' semplicemente meravigliosa ,mi hai fatto venir voglia di impastare ....un abbraccio.

    RispondiElimina
  3. Ti ringrazio per aver deciso di ripubblicare la ricetta, mi piacciono molto questi tipi di dolce da colazione...
    Grazie e ti inserisco anche con questa ricetta,
    Un abbraccio,
    Barbara

    RispondiElimina
  4. mi piacciono questo genere di ricette!
    io me lo ero perso....baci.

    RispondiElimina
  5. Bellissima treccia e sicuramente molto soffice! In bocca al lupo per il contest!

    RispondiElimina
  6. Grazie a tutte!!!
    E poi con questo freddo questi dolci ci stanno benissimo!!!

    RispondiElimina
  7. Giulia e` molto interessante questa treccia ...h sempre un sacco di marmellata di albicocche ed....un marito in cerca di dolci per colazione!
    francesca

    RispondiElimina
  8. Giulia, che incanto!!! La ricordo ma la sofficità deve essere meravigliosa!! Quando scrivi lievito liquido intendi LICOLI??? Grazie un bacio e complimentissimi come sempre alle tue manine d'oro! ^__^

    RispondiElimina
  9. Giulia, hai mai provato a farci delle brioches con questo impasto??? SECONDO ME VERREBBERO SPETTACOLARI!

    RispondiElimina
  10. Hai fatto bene a ripubblicare, perchè me l'ero perso!
    Ciao bella... tra un pò torno in terra natia :)

    RispondiElimina
  11. ci hai fatto vedere anche tutti i passaggi un gran bella preparazione

    RispondiElimina
  12. O_O ammazza ma è spettacolare!!!!!!!!! ^_^

    RispondiElimina
  13. grazie!!! Anastasia, si è licoli!
    Angela, fammi sapere quando arrivi!
    Baci a tutti!

    RispondiElimina
  14. Trooooppo buona,bravissima!!!! :-)
    Un bacione a presto

    RispondiElimina
  15. Une brioche des plus gourmandes. J'en mangerai avec plaisir.
    A bientôt

    RispondiElimina
  16. Lievitata davvero alla perfezione questa treccia, complimentissimi!!

    RispondiElimina
  17. deve essere a dir poco squisita questa treccia, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  18. Mammamia che bella!!!! E dà l'idea di essere strabuona!!!!! Grande Giulia! ;)

    RispondiElimina
  19. Io ne avevo provato una simile all'arancia, questa deve essere davvero buona:)))

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...