Passa ai contenuti principali

Gnocchi di Ricotta e salsa di Noci

Ricordate il campo di grano che vi ho mostrato qualche tempo fa?
         Ebbene, da quei chicchi è venuta fuori una farina ottima con cui ho preparato orecchiette, cavatelli e altre bontà che vi ho mostrato nei post precedenti. Non vi ho detto, però, che, oltre alla normale semola, è stata prodotta anche semola integrale!!!! Non vi dico il profumo quando mi è stata portato il pacco da 5 Kg!!!! Ma come l'avrei usata???


Alla fine ho cominciato a fare qualche prova e devo dire che il risultato mi ha sorpresa. 
       Mai avrei pensato che avesse un gusto così gradevole e delicato! Ma aspettavo qualcosa di più rustico, invece mi sono trovata a mangiare focacce sofficissime e pani saporiti e delicati. Ma ve ne parlerò in questi giorni :))


       Oggi vi racconterò di questi gnocchi, gustosi e delicati. Molti di voi avranno di certo già preparato gnocchi di ricotta ma, secondo me, con la semola hanno una marcia in più. Quindi ecco a voi...


Gnocchi di Ricotta e salsa di Noci (dosi a occhio)
1 fuscello da 250 gr di ricotta, possibilmente di capra, e la semola necessaria. Vi prego notare il colore della semola integrale.
    Impastare bene il tutto, fare i filoncini, i tocchetti e quindi li gnocchi. 
Se li volete rigati come i miei passare i tocchetti su una forchetta o sull'apposito attrezzo da gnocchi



cliccare sulle foto per ingrandire

Salsa di noci
Anche qui sono andata a occhio, ma se volete dosi più precise guardate su Google !
2 fette di pancarrè ammorbidite nel latte
una manciata di noci (volendo potrete spellarle scottandole nell'acqua bollente)
pezzettino di aglio
parmigiano
Tritare il tutto e tenere da parte.

 

Cuocere li gnocchi, contemporaneamente scaldare la salsa di noci in padella con dell'olio e tuffarci li gnocchi bollenti. Saltare per bene e impiattare.


Eccoli pronti conditi con pepe e parmigiano!! Buona giornata!


Commenti

  1. Giulia, ma che meraviglia quella semola!
    Trovo incredibile avere il privilegio di utilizzare della farina "speciale".

    I tuoi gnocchi sono da provare, dopo quelli all'acqua ora quelli alla ricotta! :)

    RispondiElimina
  2. Quella semola è favolosa! Si vede bene il colore diverso da quelle in commercio, pallide ed anemiche.
    Gli gnocchi di ricotta li faccio spesso, devo provarli con la semola e quella fantastica salsa di noci.
    Un bacione

    RispondiElimina
  3. A me gli gnocchi alla ricotta piacciono tantissimo e che presentazione la tua!!!!! complimenti.

    RispondiElimina
  4. In effetti non ho mai fatto gnocchi con la semola. Non pensavo si potesse usare ma ora mi hai aperto un mondo...io poi adoro la farina integrale

    RispondiElimina
  5. spettacolari questi gnocchi di ricotta!

    RispondiElimina
  6. Ciao, Giulia. Sono arrivata qui nel mio viaggio tra i blog di cucina e ho trovato uno spazio davvero delizioso. Questi gnocchi sono davvero invitanti! Da provare.
    A presto

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari della settimana

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Pan di Ramerino

I pani conditi mi piacciono molto! Se non fosse che a casa siamo solo in 2 li farei in continuazione. Il pan di ramerino  in particolare mi piace davvero molto. La prima volta che lo mangiai era in una versione focaccia davvero squisita che prima o poi rifarò, ma per ora mi sono accontentata del solito pane 😅😅

 Come per molte ricette in questo blog, non vi darò dosi precise, perché non le ho seguite neanche io, ma non preoccupatevi, se fate il pane normalmente, questo é piùttosto semmplice 😉


Fate una pasta da pane come meglio preferite. Io di solito uso 600 g di farina0, 400 ml di acqua e 5 g di lievito di birra. Sale. Da qui le varianti sono infinite, potete usare lievito madre, varie farine, olio nell'impasto..... In questo caso mi sono attenuta alle dosi che ho scritto, solo ho fatto più impasto perché dovevo fare 2 pagnotte

Fate lievitare il pane tutta la notte o meno a seconda del lievito usato e al mattino preparate un intingolo così In una padella mettete dell'olio (…

Sticky Toffee Pudding di Jamie Oliver

Ho già fatto questo pudding, con una ricetta di Stefano Arturi (la trovate qua) e mi era piaciuto moltissimo. Non lo avevo ancora rifatto, e stavo pensando seriamente di rimediare, quando in tv ho visto quel pacioccone di Jamie Oliver che preparava questa squisitezza di dolce con sua madre!! L'aspetto di questo dolce era molto diverso da quello già fatto e così ho deciso di cimentarmi. Che dire? Buonissimo, bello da presentare... da rifare assolutamente!



Sticky Toffee Pudding di Jamie Oliver
4 bustine di tè al bergamotto (Io non lo avevo e ho usato te normale e buccia d'arancia e/o limone) 300 ml di acqua Con questi 2 elementi preparare un tè e farlo intiepidireFrullare il tè con 450 g di datteri (pesati col nocciolo), spolverata di noce moscata e cannella. Tenere da parteMontare molto bene 170 g di burro con 170 g di zucchero grezzo di canna (quello scuro e morbido) e 170 g di zucchero di canna normale
Aggiungere, continuando a montare   4 uova 340 g di farina autolievitante (op…

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno