Passa ai contenuti principali

Cottura Riso Basmati

Il riso basmati è una di quelle cose che mi piace molto!!! E' davvero il più adatto per accompagnare carni con sughetti di vario tipo, curry e... chi più ne ha più ne metta!!!
        La cosa che veramente mi piace del basmati è il suo profumo, quel retrogusto di mandorle che lo rendono dolce e profumato...
       Così, quando ho visto in tv Gordon Ramsey che suggeriva come cuocerlo al meglio, ho subito voluto provare!! Risultato eccellente!



Il primo consiglio che lo chef dava era quello di lavare il riso per togliere l'amido e fare in modo che, a fine cottura, tutti i chicchi rimangano separati. Questo accorgimento, bene o male, già lo seguiamo tutti, ma è sempre bene ricordarlo!


Poi suggeriva di mettere il riso nell'acqua quando ancora era fredda, piuttosto che aspettare la sua bollitura... In ultima analisi il procedimento è questo
  • Mettere 400 ml di acqua in una pentola, con sale, un goccio d'olio, anice stellato e cannella in stecca (si vede nella foto)
  • Aggiungere 200 gr riso e accendere il fuoco sotto la pentola
  • Portare a bollore, incoperchiare e spegnere il fuoco; aspettare 20' (regolarsi comunque col tempo di cottura portato sulla confezione del riso)
  • Togliere il coperchio e rimestare con una forchetta: i chicchi saranno perfettamente sgranati!



Il risultato finale sarà molto buono, Fidatevi

         N.B: Quelle sopra, le indicazioni generali. Vi suggerisco però di regolarvi col vostro istinto e coi prodotti che avete a disposizione. Io ho avuto risultati diversi con riso di marca diversa!
Soprattutto, la regola di mettere il doppio dell'acqua rispetto al peso del riso, non sempre è valida, alcune volte ne è stata necessaria di più.

Buona giornata a tutti!!!

Commenti

  1. Es muy rico y hermoso me agrada en los risottos,saludos y abrazos.

    RispondiElimina
  2. adoro il basmati ma ammetto, spesso, di farlo un po' scotto. I suggerimenti riguardo al procedimento mi saranno molto utili, la prossima volta che lo cucino!

    RispondiElimina
  3. J'aime beaucoup le basmati. Je note ton mode de cuisson.
    A bientôt

    RispondiElimina
  4. Grazie! Cuocere il riso é una vera arte!

    RispondiElimina
  5. Ecco quà riswce a trovare il modulo commenti, nel pane di prima no. Ti volevo chiedere, durante i venti minuti il fuoco è spento o acceso?

    RispondiElimina
  6. ciao Elena!!! Si, a fuoco spento, grazie per avermelo detto così correggo! Hai ragione, con questi modelli l'unica comodità è avere tutto in prima pagina, ma anch'io non riesco ad entrare nei miei stessi post :))

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno

Api

Ma davvero non si può far niente per la moría delle api?
Io ne trovo di agonizzanti ogni giorno sulla mia veranda 😢😢

Mi vengono in mente tutte le scemenze di cui normalmente parlano i giornali, a partire dalle imminenti elezioni. Mi viene in mente il sindaco del mio paese che, appena eletto, ha fatto abbattere molti alberi nel paese per motivi non meglio precisati..


Il potere, l'estetica, l'economia, l'arte, la cucina... direi che possono essere solo dei passatempi rispetto a una cosa piū importante che é il rispetto della natura quindi, della vita
💖💔💖💔💖💔💖💔💖💔

MORIA DELLE API

Carote arrosto di Yotam Ottolenghi

Oggi vi propongo un'altra ricetta di questo chef fantasioso 😀 Mi piace perché la sua è una rivisitazione moderna di ricette mediorientali e perché la sua cucina é prevalentemente vegetariana: anche quando cucina carne, le verdure sono molto presenti!
   Per queste catote arrosto ci vorrebbero carote di diversi colori. Io non ne avevo e ho usato solo le comuni arancioni. Vi avverto che hanno un gusto particolare, dolciastro, che potrebbe non piacere, come é successo con mio figlio, quindi fatele se conkscete bene i vostri commensali 😉


Carote arrosto di Ottolenghi. Io ho fatto mezza dose
Mi sono attenuta al testo di Patrizia, cambiandolo dove ho apportato modifiche. Lei è stat molto chiara e la ringrazio 💖 Qui il suo post con foto bellissime e vari passaggi
1 kg di carote di diverso genere, viola, arancio, possibilmente novelle (io ho usato solo le arancioni) 50 g di nocciole tostate e tritate grossolanamente
1 cucchiaio di semi di sesamo
1 cucchiaio di melassa di melograno (non sapr…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -