Passa ai contenuti principali

Pudding al Cioccolato

Dovevo pubblicare questa ricetta già da qualche tempo, perchè è decisamente calorica e invernale ma, tra la pubblicazione dei vecchi post, l'urgenza di quelle pasquali e i problemi di connessione che mi attanagliano, me ne stavo dimenticando!!

      Credo che sia il dolce più buono fatto negli ultimi tempi, veloce da preparare e davvero ottimo!

Se lo mangiate dopo pranzo, vi piacerà ma non vi sconvolgerà, perchè siete sazi :)) 
     A merenda rischierete di finirlo tutto per quanto è buono!!
Ve lo garantisco, perchè ha fatto lo stesso effetto a tutti quelli che lo hanno assaggiato!


Faccio una premessa. Vedrete che la tipologia di preparazione è davvero particolare. avevo fatto questo tipo di dolce un altro paio di volte, ma non mi avevano soddisfatta! Poi ho trovato questa ricetta nel meraviglioso libro di Carla Bardi, Cioccolato, della Gribaudo e ho voluto riprovare!! Risultato spettacolare, non potevo tenere questa ricetta solo per me ;D

Pudding al Cioccolato
200 gr farina
  50 gr mandorle
100 gr zucchero di canna
  3 cucchiaini lievito per dolci
  50 gr cacao
  90 gr burro salato
  2 uova grandi
2,5 dl di latte
1 cucchiaino essenza di vaniglia

Il procedimento era diverso, ma vi dico come ho fatto io
  • Tritare le mandorle ne mixer
  • Aggiungere farina, lievito, cacao, zucchero e dare un'altra mescolata
  • Inserire anche il burro a pezzetti, mescolare; quindi le uova, mescolare; infine il latte e la vaniglia
  • Versare in uno stampo possibilmente di ceramica (non va sformato)




Per la Salsa
  3 cucchiai di cacao
100 gr zucchero di canna
  5 dl acqua bollente

  • Mescolare il cacao e lo zucchero e versarli sul dolce
  • Ricoprire con l'acqua bollente versandola lentamente
  • Infornare a 180° per 30' circa facendo attenzione a non buttarvi l'acqua bollente addosso mentre spostate la pirofila :)))



Vi garantisco che questo dolce è un tripudio di bontà!!!

N.B: Per la perfetta riuscita del dolce vi consiglio di usare ingredienti ottimi, in particolar modo il cacao e lo zucchero di canna, che deve essere un moscovado, uno bruno e profumato. Fa davvero la differenza!!



Buona giornata!

Commenti

  1. Pasqua = cioccolato, non solo colombe. Quindi dico che ci sta proprio tutto questo golosissimo pudding. E a giudicare dal tempo/temperatura fuori sembra autunno pieno più che primavera! Un bacione, buona giornata

    RispondiElimina
  2. Giulia,questo pudding ha un aspetto buonissimo.D'accordissimo sullo zucchero,il muscovado poi col cioccolato ci va a nozze! Se ben ricordo la Lawson fa un pudding assai simile.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  3. credo proprio che sia golosissimo :))))

    RispondiElimina
  4. Love puddings Juliana and this sounds delicious!

    RispondiElimina
  5. Altroché, questo dolce é davvero uno di quelli dove un po' per volta lo finisci..... una coccola, min queste giornate grigie lo vedo indispensabile!

    RispondiElimina
  6. E' meglio che non lo faccio, altrimenti rischio di mangiarmelo tutto io da sola, magari davanti alla tv!! può dare dipendenza, ne sono convinta

    RispondiElimina
  7. Non ti preoccupare se è invernale, qui con il clima ci siamo.
    E' una ricetta particolare che mi incuriosisce molto, che sia ottima non ci sono dubbi.
    Un abbraccione.

    RispondiElimina
  8. wooow..che goloso pudding!

    RispondiElimina
  9. già mi vedo: "solo un altro cucchiaio e poi basta..." fino a finire la teglia!
    sembra un tripudio di golosità!

    RispondiElimina
  10. Guarda... oggi casca a pennello!!! Un freddoooo!!!
    Meraviglioso, cremosissimo, lo provo!!!!
    Un bacione grande!!!

    RispondiElimina
  11. Giulia ma queste sono goloserie vere e proprie!! Wow!!! Pulirei pure la coppetta eehehehhe

    RispondiElimina
  12. Grazie di questa ricetta tesoro bello, io eliminerò le mandorle ma la farò sicuramente...solo il nome pudding a me mette adrenalina...ti auguro una felice Pasqua...molto cioccolatosa ;)

    RispondiElimina
  13. ne parla in continuazione Nigella e finalmente trovo la ricetta!!! grazieeeee

    RispondiElimina
  14. Eh si! Dev'essere davvero buono buono!!! :)
    Un bacione!

    RispondiElimina
  15. chocolat un pur bonheur bravo
    bonne soirée

    RispondiElimina
  16. In quel buonissimo pudding cioccolatoso ci metterei stra volentieri il cucchiaio! Mi dici come faccio a resistere? ;D
    Mi segno la ricetta, ai miei bambini piacerà un sacco! Grazie e buona Pasqua!
    Incoronata.

    RispondiElimina
  17. Che goloso questo pudding! Vien voglia di prendere il cucchiaio e infilarlo nello schermo del computer :-)
    Buona Pasqua carissima Giulia a te e ai tuoi cari! Un abbraccio

    RispondiElimina
  18. Tanti cari auguri per una serena e gioiosa Pasqua
    un abbraccio
    Alice

    RispondiElimina
  19. Tanti cari auguri per una serena e gioiosa Pasqua
    un abbraccio
    Alice

    RispondiElimina
  20. da leccarsi i baffi, lo adoro!!!!!

    RispondiElimina
  21. Que rico te ha quedado el budín muy goloso,abrazos y buen domingo de resurrección.

    RispondiElimina
  22. Io l'ho fatto!!!!
    Ed è buonissimo! Grazie ancora della ricetta!

    RispondiElimina
  23. visto che l'hai riproposta, la metto nella vwish list e proverò a farla quanto prima,
    Grazie carissima
    A rileggerci presto tra ricette, pensieri e tanti sorrisi :-D

    RispondiElimina
  24. mammamia super goloso!
    questo o provo!
    fra

    RispondiElimina
  25. Grazie per questa meravigliosa ricetta.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari della settimana

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Pan di Ramerino

I pani conditi mi piacciono molto! Se non fosse che a casa siamo solo in 2 li farei in continuazione. Il pan di ramerino  in particolare mi piace davvero molto. La prima volta che lo mangiai era in una versione focaccia davvero squisita che prima o poi rifarò, ma per ora mi sono accontentata del solito pane 😅😅

 Come per molte ricette in questo blog, non vi darò dosi precise, perché non le ho seguite neanche io, ma non preoccupatevi, se fate il pane normalmente, questo é piùttosto semmplice 😉


Fate una pasta da pane come meglio preferite. Io di solito uso 600 g di farina0, 400 ml di acqua e 5 g di lievito di birra. Sale. Da qui le varianti sono infinite, potete usare lievito madre, varie farine, olio nell'impasto..... In questo caso mi sono attenuta alle dosi che ho scritto, solo ho fatto più impasto perché dovevo fare 2 pagnotte

Fate lievitare il pane tutta la notte o meno a seconda del lievito usato e al mattino preparate un intingolo così In una padella mettete dell'olio (…

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno

Sticky Toffee Pudding di Jamie Oliver

Ho già fatto questo pudding, con una ricetta di Stefano Arturi (la trovate qua) e mi era piaciuto moltissimo. Non lo avevo ancora rifatto, e stavo pensando seriamente di rimediare, quando in tv ho visto quel pacioccone di Jamie Oliver che preparava questa squisitezza di dolce con sua madre!! L'aspetto di questo dolce era molto diverso da quello già fatto e così ho deciso di cimentarmi. Che dire? Buonissimo, bello da presentare... da rifare assolutamente!



Sticky Toffee Pudding di Jamie Oliver
4 bustine di tè al bergamotto (Io non lo avevo e ho usato te normale e buccia d'arancia e/o limone) 300 ml di acqua Con questi 2 elementi preparare un tè e farlo intiepidireFrullare il tè con 450 g di datteri (pesati col nocciolo), spolverata di noce moscata e cannella. Tenere da parteMontare molto bene 170 g di burro con 170 g di zucchero grezzo di canna (quello scuro e morbido) e 170 g di zucchero di canna normale
Aggiungere, continuando a montare   4 uova 340 g di farina autolievitante (op…